Quando vita e arte si incontrano

Quando vita e arte si incontrano…

si genera un processo rivoluzionario,

terrificante e meraviglioso.

Un processo in grado di stimolare gioie

e tormenti.

Un processo in sé libero e tuttavia

condizionato, condizionante.

Un processo che aspira ad eguagliare il sogno.

Annunci

Chanson in Clip

ItyArt_chanson_nocturne-2

Una notte, nel nonpoicosìlontano 2016, una canzone irruppe tra le sinapsi.

Era simile ad un acuto violino. Insieme di note, numeri e parole.

Era e ancora è. Una canzone funambolare, che lascia sospesi a soppesare

i ritmi, i singulti e le atemporali sospensioni.

Oggi, pur essendo la canzone funambolante d’allora, ha intrecciato il verbo,

il tango e le ventose arie e mutato se stessa divenendo battito di ciglia.

O meglio un batter di ciglia, ove la differenza sta nella presenza, manifesta,

di moto. A seguire il battito – canto – notturno

 

Chanson Nocturne, 2016

Su macerie e bagliori

cropped-ityart-madonna-delle-macerie-750x582

Pensavo alla candida perfezione di un fiocco invernale, regolare e fedele a se stesso.
Pensavo alla candida, democratica accettazione esistente tra i fiocchi.
Diversi, tutti, l’un dall’altro
egualmente scivolano tra le distanti nubi e i freddi cieli.

E ricordano le perle, generate da morbidi architetti intrappolati in dimore sabbiose.

Nate da
scorie, scarto /come fango/ modellate in circolare candore.

E ricordano le saline produzioni oculari, come quando il pungente chiarore s’insinua tra le sclere
o l’intirizzente blu blocca le articolazioni.

Costringendo l’occlusione. Oculare quanto gestuale.

Pensavo a quante differenti, imperfette, perfezioni esistano e a quante macerie, scarti e scorie le circondino.
Pensavo alla luminosità dei fiocchi, delle perle, degli sguardi dopo le tempeste, dopo i geli, dopo le chiusure.
Pensavo a quanto richiamino la maestosità dei cieli, la delicata danza dei venti, l’immensa profondità degli abissi.

E così ho rammentato perché fiocchi, perle e lacrime ricordano l’imperfetta
meraviglia che suscitano il vivere e i viventi, tutti.
Nonostante le scorie, nonostante le macerie.

________________________________________________________________________________
Foto: Our lady of the rubble
(Prima Pubblicazione: ItyArt.com)

“GOT LIFE”

 

 

(Pics from Yellow Submarine, Beatles)
(Pics from Yellow Submarine, Beatles)

 

 

There’s a snake under the                                       Un ofide giace nel substrato

skin, a changing snake                                                 epiteliale, un mutante ofide

which flows through                                                       scivolante tra

 

veins and hair, a changing                                         vene e chiome, un mutante

river which counts every                                              fiume  in conta, d’ogni

swing upon rocks or teeth                                              oscillazione su rocce o denti

 

A rock which rolls over                                              una roccia rotolante oltre

the sky asking why                                                    la volta in pandorica domanda

it could be not a plane.                                              verso l’essenza planante.

 

 

(Uroboro, the circle of Life and Death)
(Uroboro, the circle of Life and Death)

 

 

A plane, died on a necklace                                        Un velivolo, defunto in collana

around a young boy’s neck                               circondante il collo d’un giovinetto

a young boy who grows up                                             fanciullo crescente

 

And becomes a blue bird,                                          che diviene  piumato zaffiro,

flying to a blue orchid,                                              in volo verso un’orchidea blu,

blooming on a far land,                                                        in fiore nella distante terra,

 

a desertic, far land where a                                       desertica, distante terra dove

changing snake is flowing, now                          il mutante ofide scivola, adesso

and n/ever, through veins and hair                                e non/mai, tra vene e chiome

 

of every Adam and Woman who                                        d’ogni Adamo e Donna

decides to change skin                                                   metamorfente verso

and got life.                                                                        la vitale acquisizione .

 

 

(Diefenbach, Per aspera ad astra)
(Diefenbach, Per aspera ad astra)

Goylì Goylà