“GOT LIFE”

 

 

(Pics from Yellow Submarine, Beatles)
(Pics from Yellow Submarine, Beatles)

 

 

There’s a snake under the                                       Un ofide giace nel substrato

skin, a changing snake                                                 epiteliale, un mutante ofide

which flows through                                                       scivolante tra

 

veins and hair, a changing                                         vene e chiome, un mutante

river which counts every                                              fiume  in conta, d’ogni

swing upon rocks or teeth                                              oscillazione su rocce o denti

 

A rock which rolls over                                              una roccia rotolante oltre

the sky asking why                                                    la volta in pandorica domanda

it could be not a plane.                                              verso l’essenza planante.

 

 

(Uroboro, the circle of Life and Death)
(Uroboro, the circle of Life and Death)

 

 

A plane, died on a necklace                                        Un velivolo, defunto in collana

around a young boy’s neck                               circondante il collo d’un giovinetto

a young boy who grows up                                             fanciullo crescente

 

And becomes a blue bird,                                          che diviene  piumato zaffiro,

flying to a blue orchid,                                              in volo verso un’orchidea blu,

blooming on a far land,                                                        in fiore nella distante terra,

 

a desertic, far land where a                                       desertica, distante terra dove

changing snake is flowing, now                          il mutante ofide scivola, adesso

and n/ever, through veins and hair                                e non/mai, tra vene e chiome

 

of every Adam and Woman who                                        d’ogni Adamo e Donna

decides to change skin                                                   metamorfente verso

and got life.                                                                        la vitale acquisizione .

 

 

(Diefenbach, Per aspera ad astra)
(Diefenbach, Per aspera ad astra)

Goylì Goylà

Annunci

“IL TEMPO DEL KAIROS” O LE FUGGEVOLI OPPORTUNITA’

salvador_dali_-_montre_molle_au_moment_de_sa_premiere_explosion
Montre molle au moment de sa premiere explosion, S. Dalì (1954)

 

 

Raffigurare mentalmente un concetto astratto può essere impegnativo atto, variabile, cangiante come le acque scorrenti in fiume o un disco-arcobaleno in rotazione. Se tra tali concetti decidessimo di assumere come fulcro, per l’oculo osservante, l’elemento tempo probabilmente, di primo acchito, saremmo condizionati dall’iconografia classica, un vegliardo, canuto con teschio in palmo o una clessidra dalla sabbia in movimento. Tra le prime immagini generabili potrebbe emergere anche un torrente, ripetente l’eracliteo panta rei(1), come destino permeante l’inevitabile scorrere. Un’attività, quella dello scorrere, costituita da variegati momenti, fluidi per costituzione, un insieme di istanti irripetibili, mai del tutto eguali.

Come il concetto stesso, di tempo. Chronos e Kairos appartengono ad un identico genus ma rappresentano differenti specificità. Anche  Aion. Il primo, il passaggio “storico”, quantità logico – consequenziale delle tre fasi temporali, archetipo dello scorrimento. Aion è eternità, inesauribile generazione, serpente divoratore del sé, ciclico Aurin(2), Uroboro. Differente da entrambi è Kairos o ricerca del momento opportuno, propizio. La buona occasione, qualità del verbo definente l’essenza dell’occasione stessa. Un’attesa, spesso sbeffeggiata, “perdente” rispetto i grandi temi fratelli e al tempo stesso beffarda. La fortuna dei Carmina Burana(3) dal ciuffo frontale, posteriormente calva. Eppure il Kairos è il tempo che attende se stesso, attende una interpretazione positiva del sé che possa essere “posta”, concretizzata in opportunità. È tempo di speranza, forse, di slancio e prova. È l’occasione che diventa manifestazione, in realtà scevra da una esatta, definita indicizzazione poiché appartenente all’inafferrabile. Concetto non separabile dall’assioma greco, forzosamente contestualizzato in moderne e contemporanee ere. È giovinetto dai calzari alati, veloce nella fuga, illusoriamente raggiungibile. Quel tempo “divino” in cui ogni cosa può accadere, il tempo della crisi di Tillich(4) donante opportunità.

Le definizioni che inseguono il Kairos sono plurime e parziali proprio per il suo essere mediano termine tra tempo e azione, non dipendente dal caso, eppure condizionabile, gestito dal singolo ma suscettibile all’avanzata delle contingenze. Ciascun individuo vive la triplicità temporale secondo il proprio, personale modo di relazionarsi con il tempo, abitando la quotidianità, programmando futuri eventi con sguardi variamente malinconici ai giorni trascorsi, pensando e pesando l’eternità, nelle varie configurazioni, ideologiche o religiose, alternando concetti annichilenti o danteschi alla retificazione energetica per una spiritualità onnipresente.

Tutti, egualmente coinvolti nel continuo divenire, tutti, diversamente interpretanti i percorsi eppure tutti in continua attesa, una “sospensione” che non è mera stasi ma ricerca, aspirazione, tendenza nel senso primo del termine, di estensione verso qualcosa che, per propria volontà, karmica incidenza o mista attuazione produrrà (forse) una ferma presa del volatile corridore, proteiforme Kairos dalle “umanamente divine” possibilità.

Kairos, particolare affresco, Francesco Salviati (Roma, XVI sec.)
Kairos, particolare affresco, Francesco Salviati (Roma, XVI sec.)

Goylì Goylà


(1) Panta Rei, “tutto scorre”, dottrina del divenire di Eraclito di Efeso (535 a.C.-475 a.C.);

(2) Aurin, qui in riferimento al simbolo de La Storia Infinita (Michael Ende);

(3) Carmina Burana, testi poetici medievali (XI-XII sec.) contenuti nel Codex Buranus;

(4) Paul Tillich, teologo protestante anti-nazista (1886-1965).